Guenzi. La visione non evidente
COSTANTINO GUENZI

“...Guenzi cattura e disperde la forma nello stesso momento, dà e sottrae luce alla materia nello stesso tempo, compie e nega il proprio gesto nello stesso istante. Il risultato è una sorta di rivelazione dell’indistinto.
Guenzi, insomma, ragiona sulla forma colore, sulla griglia ostile delle rette, sulla indocile matassa dei punti, ma su di loro lascia posare una luce malinconica: qualcosa come una tenuità crepuscolare, che però non nasce dal sentimento, dall’emotività. Quella medietas, quel tono ribassato che Guenzi raggiunge, nasce da una consapevolezza per così dire filosofica, che non smette di tormentarlo.”

COSTANTINO GUENZI
Senza titolo, 1963, olio su carta su masonite, 97x67 cm.