GIANCARLO OSSOLA


Giancarlo Ossola è nato nel 1935 a Milano, dove vive e lavora. La sua formazione pittorica ha radici complesse che sfociano, dagli anni Settanta, in una personalissima interpretazione della realtà attraverso una figuralità drammatica ed inquieta, fatta di segni forti e concitati sorretti da un'ansia cromatica vissuta nel contrasto tra ombre e bagliori, con una resa immediata e vibrante del mondo circostante. Attraverso un senso epico della memoria e una potente concezione dello spazio, Ossola ci offre immagini intese come segni dell'esistenza, forme avvolte nel mistero, figure dipinte tra disfacimento della materia e urgenza di ricostruirne il volto perduto. Attraverso un'intensa attività espositiva la sua arte si confronta con i movimenti dell'attualità, mantenendo un'autonoma ed intatta fede nei valori interiori della pittura, considerata dall'artista milanese un'arte senza tempo, uno strumento di colloquio con i grandi artisti del passato: Magnasco, Rembrandt, Giacometti, Sutherland, Wols, Bacon. Il nucleo di questa mostra è costituito da venticinque opere recenti che propongono i temi essenziali della pittura del maestro: hinterland, fabbriche dismesse, interni, nature morte. Ne deriva un viaggio affascinante, un percorso tra i luoghi osservati ed amati da Ossola con quella libertà espressiva che ne fa uno dei pittori figurativi più inquieti ed interessanti della sua generazione. La mostra è accompagnata dal primo catalogo edito dallo Studio d'Arte del Lauro, con una prefazione di Alberto Pellegatta.
GIANCARLO OSSOLA